AVE
Daniela Moreschini
Il sito con forum di Daniela: Il Mistero
Scrivi a Daniela










HomeHome




La vecchia casa
di ave

Ogni giorno
la strada mi porta
verso te.
Neppure la volontà
riesce ad impedirmi
di alzare gli occhi
verso quelle finestre.
Non riconosco le tende.
Non riconosco i mobili
che appena si intravedono
dalla luce che tenue filtra
nel piccolo appartamento.
Non riconosco la gente
che vi è dentro!
Dove siete persone
che in quella casa
avete vissuto,
sofferto, amato e gioito?
Non c’è più nulla
di voi là dentro.
Solo sono rimasti
il mio cuore
e i miei ricordi,
di quando io bambina
in voi cercavo amore!




<< Indice




Luna mia (romano)
di ave

Vorei sape’ cantà pe’ te stanotte,
o luna mia!
Te che sei la musa
de tutti li poeti,
famme trovà la vena giusta,
che de parole, io,
so tanto avara!
Vorei sapette di’quanto sei bella,
reggina de la notte,
co quer diadema de stelle attorno
che come fiammelle
ner celo brilleno!
M’hai visto giovane e ‘nammorata,
er sogno mio l’hai realizzato
facennome trovà l’amore vero!
Mo’ so vecchia e nun cio’ sogni,
forse perché sto morenno piano piano,
ma ‘n desiderio ner core me sta stretto,
e te lo vojo dì..
Te, che tutto senti,
ascorta li sogni pure de mi fija,
c’ancora tanti grilli cià pe’ la testa…
io so stanca e
sempre dietro nun je posso sta!
Illumina la strada che percore,
realizza i sogni giusti
e faje scordà quelli sbajati.
Così se domani chiudo l’occhi
potrò sta ‘n pace pe’ l’eternità,
ner sape’, che su la tera,
er seme mio è cresciuto forte e sano,
e mai se piegherà
come ‘na canna ar vento!



<< Indice




Un ricordo
di ave

Ti eri fatta bella quel giorno
in attesa del suo arrivo,
sì era d'agosto,
ma quel suo arrivo non giunse mai!
A nulla valsero le lacrime
per riportarlo a te,
neppure un bacio per dirti addio!
Sì era d'agosto,
era caldo,
ma il tuo cuore si gelò come il suo corpo!



<< Indice




Fumo acre
di ave

Era la notte in cui
tutti gli occhi erano al cielo volti
ad osservare le piccole scintille di luce,
mentre i pensieri esploravano l’animo
in cerca di un desiderio.
Si attendevano le Lacrime di San Lorenzo,
ma le luci che improvvise si videro,
altre non erano che lembi di fuoco
che dalla terra scaturivano.
Notte tormentata,
notte di sogni e desideri perduti,
mentre il fumo acre assaliva la gola,
faceva piangere gli occhi
e sanguinare il cuore!
Tu, fuoco, simbolo di purificazione,
sei stato quella notte
lo strumento distruttivo di mani crudeli,
bruciando le lacrime del cielo,
che per una notte
sono simbolo di desideri nascosti!



<< Indice




Na stella pe' te (romano)
di ave

Stanotte, er celo
De stelle è pieno,
e dar giardino mio,
che sta sul lago,
lo vedo proprio tutto!
Me vjè voja d’allungà ‘n mano,
coje ‘na stella su ner celo,
tenella stretta ar pugno mio,
pè regalattela, quanno,
cor primo sole der matino,
a te me strigni forte,
pe’ damme er primo bacio
de’ sto giorno appena nato!



<< Indice




Lascia che sia
di ave

Lascia che sia il vento
a parlarti per me!
Lascia che sia il sole
a baciarti per me!
Lascia che sia la pioggia
a farti sentire le mie lacrime!
Lascia che sia l’onda del mare
a portarti il rumore dei miei passi!
Lascia che sia la luna
circondata da un manto di stelle
a raccontarti la mia malinconia!
Lascia che sia
il mio cuore
a parlarti del mio amore!



<< Indice




Cerva ferita
di ave

Vagava ferita
la cerva nei boschi,
lasciando tracce di sangue
lungo il cammino;
mentre ogni tanto
a riposar si adagiava!
Con lacrime negli occhi,
triste e solitaria,
toccava quella ferita
che tanto dolor le dava!
E dal profondo
del suo animo
cercò la forza
per non morire,
e alla sua amica luna
innalzò il suo canto di pace!
La luna, sorridente ammiccò,
una stella dal cielo si staccò,
e lieve sulla ferita si posò!
E' tornata a correre la cerva,
lanciando alla luna e alle stelle
ogni notte il suo canto d'amore!



<< Indice




Tu con me
di ave

Fratello appoggiati me,
e le mie gambe
cammineranno per te.
Se le tue orecchie non odono,
io ascolterò per te....
e per te imparerò altri linguaggi...
Se i tuoi occhi sono spenti
la mia voce ti racconterà
i colori del mondo.
Ti parlerò del sole lucente
e dell’argentea luna
in un universo costellato di stelle.
Ti racconterò della candida neve
sui monti.
Ti descriverò un campo inondato di sole
su spighe di grano dorate.
Ti spiegherò i colori del mare calmo
e dell’oceano in tempesta
Camminerò per te,
ascolterò per te,
parlerò per te,
vedrò per te....
Ma è ancora poco,
tu hai molto di più….
Sai amare anche chi è diverso da te.




__________________________

Home