Felice Serino

Scrivi a Felice 


 

 

 

 


 

 

 


<< Home
 

 

 

 

   
 

 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

 Se questo mondo


se questo mondo ti ha forse
deluso è perché ho lasciato
che ti perdessi e dal tuo
vuoto mi tendessi le mani

su me che sono Altro
roveto che arde e non consuma
scommetti pure la tua vita

non vergognarti di me che sono il giorno

ho offerto il mio Essere
carne e dio
al supplizio del legno
mia rivincita d’amore

sono il mattino che ti coglie
- cuore di madre
 
 
 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

 E’ in te nell’aria


è in te nell’aria
sottile la senti la mancanza
di vita piena
come applaudire con una mano sola

ma è regale regalo
questo rapido frullo
d’ali
            atto d’amore
non affidarlo nelle mani del vento

sii àncora
gettata nel cielo


 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 


Un Lettera
(frammento)


non angustiarti se non sai pregare
se preghi con la testa tra le nuvole

lo fai e bene se spandi
su foglio metafisica luce

e il soffitto ti si fa cielo
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

E’ velo che cadrà


1.
è velo che cadrà
la carne

2.
rendere fruttuosa la morte
perdendo la vita

(rovescio
dell’io tra nome e senza nome)

3.
ma è l’amore che mi sceglie

(nudo
alla luce)

4.
ho sognato d’essere trasparente



 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

 Visione


imbevuto del sangue della passione un cielo
di angeli folgora l’attesa vertiginosa
nella cattedrale del Sole dove ruotano
i mondi
è palpito bianco la colomba sacrificale
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Quel sorriso
               a R.

oltre lei forse fra le stelle
dura quel sorriso che nell’aria
ti appare ora sospeso come fumo

lucido incanto il tuo
sperdutamente altrove –
l’ha disperso il vento
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Vertigine del vuoto
[leggendo E. M.Cioran]


sognandosi al di sopra dei precipizi

le vene cariche di notti
carpire qualche vertigine all’Abisso
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Elegia dell’ultimo giorno


ormai è passata come tutte
le cose dell’aldiquà prendila come
un sogno anche se sogno non è
questo nell’ultimo giorno avrò da dirti
fratello a me nella carne e nello spirito
marchiato a fuoco
ma tutto questo doveva accadere ti dico
perché “si compissero le scritture”


ora m’incolpi del mio silenzio e
Tu dov’eri mi chiedi quando a migliaia
venivano spinti sotto le docce a gas
Io ero ognuno di quei poveracci in verità
ti dico Io sono la Vittima l’agnello la preda
del carnefice quando fa scempio
di un bambino innocente
Io sono quel bambino ricorda
“quando avete fatto queste cose ad uno
di questi piccoli l’avete fatto a me”

anch’io in sorte ho avuto una croce la Croce
la più abietta la benedetta
anch’io ho urlato a un cielo muto e distante
Padre perché

perché solo mi lasci in quest’ora di cenere e pianto

 
 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Dal di fuori


1.
precipitati da un primo
mondo di luce indivisa –
essere qui e insieme
altrove

dal di fuori il pulsare
dell’universo
impregnato di dolore e di canto

2.
questo dolore questo
canto: ne siamo
l’essenza

siamo volti che galleggiano
sulla superficie di un sogno
 
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Sospensione


un camminare nella morte dicevi
come su vetri non conti le ferite
aspettare di nascere uscire
da una vita-a-rovescio

riconoscersi enigma dicevi
di un Eterno nel suo pensarsi
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Sconnessione


pensavi guadagnare la chiarezza?
la vita imita sempre più il sogno
nelle sconnessioni avanti con gli anni

ti coniughi ad un presente che s’infrange
dove l’orizzonte incontra il cielo:
e ti sorprendi a chiederti chi sei
oggi da specchi rifranto
e moltiplicato
mentre il tempo a te ti sottrae
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

Sperdimento


silenzio-ombelico di luce

(le ombre corte l’aria
incendiata)

affondo in vertigini di cielo

… unforgettable…

le uve
dei suoi occhi ad addolcire il sangue

nello sperdimento
del tempo che si sfoglia

quest’ora squama
il mio cuore di paglia
 
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

La vita… è ricordarsi di un risveglio”
[leggendo Sandro Penna: una cheta follia, di Elio Pecora]


sotto un mutevole cielo chiuso
nel tuo grido di diverso

cresce la luce a cui vòlti
le spalle: voglia di sparire
dentro un sogno o restare
nell’ora dolce dei vivi

- mosca impigliata nel miele
 

 

 

 

 


 

 

 


< su
 

 

 

 


 

 

 

 

 Agnes Gonxha
(Madre Teresa)

ti vedo farti fragile foglia
appoggiata ad una spalliera di vento


 

 

 

 


 

 

 


< su