BURATTINO DI PAGLIA


Ti vidi leggera danzare in un campo di stoppie
mentre soave
cantavi la vita
e obliavi il sangue che a fiotti
scendeva copioso dalle tue ferite
nelle fenditure dell'esausta terra
sfruttata dal grano
Ti voglio gridai
ascoltami
Mentre l'estasi delle mirabilie
mi prese e convulse
beffardo il burattinaio di paglia
accese la miccia
E fu un violento crepitìo
di fiamme e fuliggine
a serpeggiare nel cielo
impaurita fuggisti
ti persi.
Perdona, perdona lo stupido orgoglio
i laceri silenzi
i meschini ricatti,
la mia bastarda natura
figlia di baldracca.
Cosa non darei
perchè tu non arda
con le stoppie di quel campo !